[ IMPIANTO FOTOVOLTAICO ] Perché è un errore inseguire solo la bolletta elettrica più bassa ?

[ IMPIANTO FOTOVOLTAICO ] Perché è un errore inseguire solo la bolletta elettrica più bassa ?

Se stai scegliendo il tuo nuovo impianto ad Energia Rinnovabile, assicurati prima di leggere questo articolo.

Se stai affrontando l’installazione di un impianto ad energia rinnovabile, una delle argomentazioni più singolari è quella di dimostrare che NON E’ sempre un “successo” inseguire la bolletta elettrica più bassa.

Scopriamo insieme perché.

Sostengo da sempre che

una vera ottimizzazione delle risorse a disposizione è il segreto per fare impianti intelligenti

Questo si traduce, per il cliente finale, in un risparmio REALE, perché si ottiene un risultato preciso con il minor dispendio di soldi ed energie possibili.

Ci sono però 2 problemi.

Il primo è che il 95% degli operatori nel campo delle energie rinnovabili, non sa come spiegarlo e soprattutto dimostrarlo al cliente.

il secondo è che dietro questa incertezza, si nascondono piccoli o grandi imbrogli, che mirano solo ad estrarre soldi dalle tasche del cliente ignaro o … poco consapevole.

Quando si guarda verso l’installazione di un impianto ad energia rinnovabile , sia questo composto da solo FOTOVOLTAICO o insieme anche a BATTERIA e POMPA DI CALORE, si deve farlo con la consapevolezza che mettendo insieme più tecnologie, queste possono avere di fatto un comportamento differente in base alle situazioni.

E.. giusto a dirlo, ognuno di noi ha una precisa impronta energetica. Un’insieme cioè di abitudini e di stili di vita che rendono unico il modo di vivere la casa e la propria vita da un punto di vista di consumo elettrico e termico.

Inseguire solo un valore di bolletta elettrica basso, ci porta ad una forma di ABBAGLIO COLLETTIVO, che non solo ci distoglie dal risultato finale, ma danneggia anche lo spirito etico che spinge ad installare un impianto ad energia rinnovabile.

Tutto ciò che facciamo crea in qualche modo inquinamento e anche usare più energia o usare più materiale di quello che serve realmente, crea un danno misurabile in qualche modo.

Quindi, se installi un certo tipo di impianto ad energia rinnovabile, e poi ti accorgi che potevi ottenere lo stesso risultato con un impianto diverso ( magari più piccolo )..ecco.. hai sprecato anche tu delle risorse preziose.

Tornando alla domanda iniziale, possiamo affermare che:

E’ sempre un obbiettivo nobile raggiungere la percentuale ( % ) più alta possibile di abbattimento della bolletta elettrica, ma da sola è un numero senza senso.

Come reagiresti se ti dimostro che potevi ottenere lo stesso risultato spendendo meno ?

E’ questo il punto.

Sono pochissimi gli operatori che sono in grado di fare scelte dettate da un criterio scientifico e non puramente commerciale e purtroppo sono ancora tantissimi quelli che inseguono il proprio profitto e non il benessere del proprio cliente.

Con questo articolo, voglio quindi aiutarti a capire quale logica dovresti seguire per capire se stai seguendo la strada eticamente più giusta.

Lo farò con il nostro esclusivo software FVSyncro ©, uno strumento potentissimo che mettiamo a disposizione per dare risposte a questo tipo di domande ( ma ce ne sono tantissime altre ! ).

Non solo: lo facciamo in meno di 60 secondi !

FVSyncro © è infatti il primo e unico software in Italia in grado di trovare in modo scientifico la migliore combinazione possibile tra FOTOVOLTAICO, BATTERIA e POMPA DI CALORE in meno di 60 secondi !

Se vuoi scoprire di più sul nostro software FVSyncro, clicca [ QUI ]

—-

Supponiamo quindi di partire da una utenza con consumo elettrico annuale di 3.600 kWh.

Nella prima ipotetica proposta, un operatore propone a questo cliente un impianto Fotovoltaico da 6 kWp abbinato ad una Batteria di accumulo di 13,5 kWh nominali.

Nella immagine di fig. 1, puoi vedere il risultato stimato in termini di riduzione della bolletta elettrica:

( fig. 1 – Fonte:  FVSYNCRO © )

Ora, al netto di alcune considerazioni legate al profilo di consumo specifico e obbiettivo da raggiungere di questo utente, potrebbe sembrare miracoloso un vantaggio del genere, ma se andiamo a fare una più attenta valutazione, ci accorgiamo che la strada è proprio sbagliata.

Puoi ottenere infatti lo stesso identico risultato in termini di risparmio energia e addirittura quasi RADDOPPIARE il RAPPORTO COSTI / BENEFICI, con un impianto molto più piccolo:

Per esempio, un 3 kWp unito ad una Batteria di accumulo da 7 kWh, che avrà minor impatto sulla bolletta elettrica a fine mese, ma costerà decisamente meno ( fig.2 ).

( fig. 2 – Fonte:  FVSYNCRO © )

La proiezione di risparmio energia nel medio periodo per entrambi gli impianti è poco differente :

          

Significa che i margini tra i due tipi di impianti sono risicati e alla base di una scelta del genere deve esserci una motivazione molto forte e importante.

Il fatto è che questa motivazione io, personalmente, non l’ho mai trovata. Anzi.. sembra che l’impianto da 6 kWp con abbinata una Batteria di accumulo sia il COPIA-INCOLLA preferito dai venditori di impianti indipendentemente dal profilo di consumo che hai in casa.

Peccato che in un caso rispetto all’altro, spenderai praticamente il doppio per un impianto che produce praticamente gli stessi effetti a parità di tempo.

Lo puoi vedere da questi 2 grafici che ti mostrano la % di sfruttamento dell’impianto:

Giusto per farti capire che non è un grande obbiettivo abbattere la bolletta elettrica se poi non tieni conto anche di quanto stai sfruttando le risorse a tua disposizione.

  • Hai raggiunto un buon abbattimento di bolletta elettrica ? SI
  • Hai sfruttato al massimo il tuo impianto ? NO

Allora…scusami… Stai sbagliando qualcosa.

Una proposta di un impianto da 6 kWp, di fatto, è sbagliata perché suggerisce di occupare risorse inutili con un risultato assolutamente discutibile.

Peccato che tu non hai il tempo e i mezzi per verificare l’attendibilità dei numeri. Devi fidarti di chi hai davanti.

Ripeto, non che sia sempre sbagliato il principio di fare impianti più grandi…ma questo ha senso solo se sei informato in modo preciso sui risultati che avrai con il tuo nuovo impianto ad energia rinnovabile.

Deve essere quindi una scelta consapevole.

Purtroppo non lo è nel 95% dei casi.

L’effetto di un errato dimensionamento come in questo caso, non è assolutamente per te verificabile nemmeno a posteriori.

In fin dei conti, vedi la bolletta elettrica scendere molto. Chi andrebbe  mai a contestare un impianto del genere ?

Cosa fare quindi ?

Comincia a farti queste 3 domande PRIMA di acquistare qualsiasi impianto ad Energia Rinnovabile :

  1. QUANTO SFRUTTERO’ L’IMPIANTO E OGNI SINGOLA TECNOLOGIA INSTALLATA ?
  2. QUALE BENEFICIO MI PORTERA’ REALMENTE ?
  3. POSSO OTTENERE LO STESSO RISULTATO CON UN IMPIANTO DIVERSO ?

Chiedi  SEMPRE una prova documentata e argomentata della proposta che ricevi. Non fermarti alla brochure o al catalogo. 

Interrogati SEMPRE con domande che mettano alla prova chi hai davanti e NON accontentarti di risposte ambigue.

Fai in modo di legare le domande che fai a dei numeri. Misura in qualche modo l’attendibilità di chi hai davanti. 

Scegli SEMPRE professionisti che siano in grado di mostrarti ( magari con strumenti professionali ad alta specializzazione come il nostro software FVSYNCRO © ) in modo deciso e oltre ogni ragionevole dubbio, che la proposta è assolutamente solida ed esente da vizi commerciali.

Se vuoi approfondire questo argomento, o chiedere consigli sulla scelta del tuo nuovo impianto fotovoltaico, puoi seguirci cliccando sul pulsante qua sotto

Vai alla pagina Facebook !

 

Se invece sei un operatore nel campo delle energie rinnovabili e vuoi scoprire tutto sul nostro software esclusivo FVSYNCRO ©, clicca sul link [QUI]                                      

 



@2021 copyright Fotovoltaicoperfetto - tutti i diritti riservati - P.IVA 03883420246 | Condizioni d'uso e di vendita

Privacy Policy Cookie Policy